Badolato

Resti di mura medievali testimoniano l'antica origine dell'abitato, disteso su uno sperone tra due valloni. Come aggrappate alla roccia, le vecchie case silenziose e scure compongono uno scenario di grande suggestione, profondamente segnato dallo spopolamento dovuto a terremoti e alluvioni anche recenti.

Prosegui la visita -> ...

 

L'ultima alluvione nel 1951, trasformò Badolato Superiore in un paese fantasma, faticosamente tornato a rivivere grazie a profughi curdi che abitarono le vecchie case in rovina a partire dal 1986. Da allora continuarono i segni di una lenta ripresa e oggi il nucleo medievale, simile a un presepe di case strette le une alle altre, è popolato anche da artisti che lo hanno scelto per la suggestiva bellezza. La seicentesca chiesa di S. Domenico, un tempo annessa a un convento, ha un'imponente facciata in granito e interno decorato di stucchi bianchi, con cinque dipinti del fiammingo Guglielmo Borremas. La chiesa del convento di S. Maria degli Angeli, sede della comunità Mondo X, custodisce un settecentesco crocifisso ligneo. Tracce di epoca normanna si riconoscono nella chiesa di S. Andrea Avellino, dove si ammira il ricco altare del Sacramento (1730), con marmi policromi e rilievi, mentre la chiesa di Santa Caterina mantiene l'abside della costruzione medievale e una tavola cinquecentesca all'altare maggiore. Fuori dall'abitato, in contrada S. Isidoro, la chiesetta della Sanità, con tracce di affreschi bizantineggianti, conferma che Badolato fu in origine un centro basiliano. Isolata e suggestiva, in panoramica posizione a strapiombo sulla vallata del torrente Gallìpari, la seicentesca chiesa dell'Immacolata presenta una cupoletta su tamburo ottagonale.

Fa parte del comune di Badolato la frazione di Badolato Marina, situato in un tratto di costa che si distingue per gli arenili di sabbia bianca e sottile e la qualità delle acque e dei fondali; interessanti i ritrovamenti archeologici nei dintorni, testimonianze della Magna Grecia.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com