San Marco Argentano

 Bisignano

Come attestano i ritrovamenti in località Acqua di Fico, la cittadina (secondo una leggenda fondata da Aschenez, pronipote di Noè) fu abitata da tempi remoti e tuttora mantiene la struttura della medievale Visinianum. Sulle pendici del colle, dove sorgeva il castello bizantino-normanno, si sviluppano i quartieri del centro storico, sede vescovile dal 743 e divenuto nel XV secolo feudo dei potentissimi Sanseverino, che vi incardinarono il titolo di principe. La Cattedrale, di origine medievale, è già documentata nel 744. Consistenti modifiche vennero apportate nel corso dei secoli e le attuali linee di gusto barocco sono frutto di un rifacimento di fine Ottocento, necessario per riparare i danni provocati dal terremoto del 1887; la facciata presenta un quattrocentesco portale in pietra, simile a quello del vicino Palazzo Vescovile. Su un terrazzamento a sud dell'abitato sorge il convento dei Riformati, fondato nel XIII secolo ma in gran parte ricostruito dopo il terremoto. Nella chiesa si custodiscono una Madonna delle Grazie in marmo bianco di scuola gaginesca, una tela con il Martirio di S. Daniele, attribuita alla scuola di Luca Giordano, e, all'altare maggiore, un Crocifisso ligneo seicentesco, attribuito a fra Umile da Petralìa.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com