Costa degli Achei

Un percorso di 150 km tra la foce del fiume Ferro a nord e la foce del Trionto a sud. E' un chiaro riferimento della presenza dei coloni greci nella zona. Su questo tratto di costa è possibile visitare diversi  Siti  Archeologici, a Sibari oppure quelli di Castiglione di Paludi. Vi è la presenza di diverse rocche e castelli, come a Roseto Capo Spulico, a Rocca Imperiale, e nel nuovo comune di Corigliano Rossano, nel quale degno di nota è anche il Codex Purpureus Rossanensis, custodito nel Museo Diocesano e del Codex, nel centro storico di Rossano. L'alto Ionio Cosentino è uno dei luoghi della Calabria più ricchi di sorprese, con itinerari insoliti e poco conosciuti, tutti da scoprire. Tra rovine archeologiche, antichi castelli, spiagge bandiera blu, campagne rigogliose e opportunità di gustare una cucina squisita, questa zona è ideale per immergersi nella Calabria più selvaggia senza però rinunciare al comfort.

Rocca Imperiale

Sorto intorno al Mille, il borgo dispone a cascata sul colle una scenografica piramide...

Rocca-Imperiale-4.jpg
Montegiordano

Nello scenario del Golfo di Taranto in una vera e propria oasi dell'alto Ionio cosentino...

logo-castello-solano-59b5712d52557.png
Roseto Capo Spulico

Durante il periodo romano, prese il nome di Civitas Rosarum, città delle rose...

spiaggia-roseto-capo-spulico-2.jpg
Amendolara

Fu centro indigeno ellenizzato, come attestano le scoperte archeologiche...

AMENDOLARA-Castello.jpg
Trebisacce

Sono caratteristiche le bianche spiagge e il mare cristallino, la cucina è a base di pesce...

panorama trebisacce.png
Villapiana

Ci sono pochi ruderi del castello, ma il Palazzo Sanseverino testimonia l'origine medievale...

villapiana spiaggia.jpg
Sibari

Frazione di Cassano allo Ionio, è la più arcaica delle colonie greche della costa ionica...

marina-di-sibari3.jpg
Corigliano-Rossano

Due città in una, il monumento più rappresentativo è l'Abbazia del Patire...

Ponte Canale di Corigliano Rossano.png
Mirto-Crosia

Alla destra del fiume Trionto, su una collina a 230 m. slm domina la vallata dell'antico Traes...

Crosia.gif
Calopezzati

Piccolo borgo di origine medievale posto su una collina a soli 3 km dal mare...

Calopezzati.jpg
Pietrapaola

Il primo documento che attesta il nome del paese risale al 1276...

pietrapaola_opt.jpg
Mandatoriccio

è raggiungibile immettendosi sul tratto della SS 106 compreso tra Rossano e Cariati...

Panorama-Mandatoriccio-copia.gif
 

Costa dei Saraceni

Lunga circa 72 km, la morfologia variegata della Costa dei Saraceni è caratterizzata dall'alternarsi di promontori e golfi più o meno ampi. E' ricca di reperti storici della grande civiltà magno-greca e di numerose testimonianze medievali e bizantine.

Oltre i castelli, gli scavi archeologici e il mare, in questa zona si possono acquistare prodotti tipici locali come il vino di Cirò, la 'nduja di Strongoli.

Cariati

Colonizzata dai Greci nel VII sec. a.C., fu poi possedimento romano nel III secolo a.C...

panorama di Cariati | welovejonio
Cirò

Un castello caratterizza il centro della cittadina, vivace per attività commerciali e turistiche...

porto Cirò marina | welovejonio
Melissa

Nel 2015 il lungomare è stato adeguato con discese sulla spiaggia per diversamente abili...

panorama Torre Melissa | welovejonio
Strongoli

E' l'erede di Petelia, città greca, divenne poi munita roccaforte dei Bruzi...

lungomare di Strongoli | welovejonio
Crotone

Profuma di mare, di montagna e di pasta fatta in casa, riecheggia di filosofia, di guerra e di pace...

panorama di crotone | welovejonio
Isola Capo Rizzuto

L'attuale roccaforte poggia su fondamenta risalenti al periodo Magnogreco (400 a.C.)...

panorama spiaggia Isola Capo Rizzuto | w
 

Costa degli Aranci

Da Copanello a Badolato, le spiagge di questo tratto di costa sono ciottolose agli estremi, mentre nella parte centrale promontori rocciosi di granito bianco a Squillace, Pietragrande, Soverato e Stalettì. In questa zona è possibile fare delle immersioni, anche di notte.

Da visitare sono il Parco archeologico di Scolacium e il borgo medievale di Squillace.

Il mare offre una gran varietà ittica. Tipico della zona è il pesce vitello o pesce "vacca" fornito dai pescatori direttamente ai ristoratori locali.

Costa degli Aranci

Cròpani

La marina vanta una lunga spiaggia di sabbia fine e fondali non troppo profondi...

Cròpani marina | welovejonio

Costa degli Aranci

Sellìa

Era un piccolo gruppo di case fatte costruire da proprietari terrieri della zona...

centro storico di Sellìa | welovejonio

Costa degli Aranci

Catanzaro

Una città antica di viuzze strette tra palazzi, e moderna nello stile e con un grande carattere...

panorama di Catanzaro | welovejonio

Costa degli Aranci

Borgia

E' stato allestito un grande Parco archeologico che racchiude parte dei resti della romana Scolacium...

Parco archeologico Scolacium di Borgia |

Costa degli Aranci

Squillace

Dal castello allo scoglio di Pietragrande, si lascia scoprire come una realtà dai vividi colori...

castello di Squillace | welovejonio

Costa degli Aranci

Stalettì

L'abitato sorge su un pianoro punteggiato di ulivi e fichi d'india...

Caminìa di Stalettì | welovejonio

Costa degli Aranci

Montauro

Un tempo si diceva che il monte Paladino, alle cui falde sorge il paese, nascondesse ricche vene d'oro...

vista da Montauro | welovejonio

Costa degli Aranci

Soverato

Il clima generoso e la natura prorompente ne fanno una delle maggiori mete balneari...

spiaggia di Soverato | welovejonio

Costa degli Aranci

Badolato

Le vecchie case silenziose e scure compongono uno scenario di grande suggestione...

centro storico di Badolato | welovejonio

Costa degli Aranci

Santa Caterina dello Ionio

Stupendi panorami di uliveti secolari e vigne sconfinate a contrasto con i colori del mare...

spiaggia di santa Caterina dello Ionio |

Costa degli Aranci

Guardavalle

Ricorda la funzione di "punto di vedetta": resistono alcune torri, parzialmente distrutte dai terremoti...

scorcio di Guardavalle
 

Riviera dei Gelsomini

Se la costa tirrenica nel tratto più meridionale è alta e scoscesa, con rupi che precipitano al mare, l'estremo lembo della Calabria è basso e orlato di interminabili spiagge. Meno turistico, ma affascinante per quel suo aspetto un po' selvaggio, con dune di sabbia e lunghi tratti di litorale libero dalle costruzioni. Si respirano i profumi intensi dei gelsomini e delle zagare, profumi che sanno di sole e di Mediterraneo. Nalla zona più meridionale, in provincia di Reggio Calabria si trova il Bergamotto, frutto cosìddetto della salute e principe degli agrumi: la sua coltivazione è alquanto circoscritta a questa stretta fascia di terra nel cuore della Magna Grecia, dove si creano le condizioni ideali per la produzione di questo frutto.

I piccoli centri del basso Ionio sono in genere moderni insediamenti alla marina, che conoscono una certa animazione soprattutto nei mesi estivi. Molto più interessanti e caratteristici i borghi dell'immediato entroterra, che si arrampicano in straordinarie scenografie sui contrafforti dell'Aspromonte. L'itinerario costiero dunque abbandona spesso la linea del mare per raggiungere, spesso su strade tortuose, villaggi arroccati, ruderi di castelli, santuari meta di pellegrinaggi e di devozione popolare: sono i segnali di una storia antica lasciati in un paesaggio di natura forte, spesso difficile e aspra.

Ardore

E' situato tra vigne e frutteti; nel nucleo più antico sono visibili le alte e possenti mura...

punto panoramico di Ardore | welovejonio
Bovalino

Incarna la particolarità del territorio calabrese: le bellezze del mare e il ristoro della montagna...

chiesa di San Francesco e Municipio di B
San Luca

E' un tipico centro agricolo e pastorale al margine dell'Aspromonte, sorto sul finire del XVI secolo...

centro storico di San Luca | welovejonio
Bianco

L'atmosfera creata dal paesaggio si può contemplare sia dal promontorio, sia dalla spiaggia...

scogliera di Capo Bruzzano a Bianco | we
Staìti

Minuscolo borgo medievale, arroccato sul fianco di una rupe...

vista di Staìti | welovejonio
Brancaleone

Qui i gelsomini vengono coltivati e danno luogo a una particolare industria di essenze profumate...

spiaggia di Brancaleone | welovejonio
Palizzi

Alle dune di sabbia fanno da sfondo i calanchi, formatisi più di tre milioni di anni fa...

Palizzi Superiore di sera | welovejonio
Bova

E' un territorio generoso per chi sa riconoscere e dare valori ai doni della natura...

borgo di Bova | welovejonio
Condofuri

Da Amendolea a Gallicianò, è uno dei centri abitati dalla comunità grecanica di Calabria...

castello di Amendolea a Condofuri | welo
Mèlito Porto Salvo

Qui il bergamotto viene prodotto già dal 1400. La spiaggia di Annà è la più frequentata...

lungomare di Mèlito Porto Salvo | welove
Motta San Giovanni

La cinta muraria è un raro esempio di complesso militare fortificato risalente all'età prenormanna...

castello di Santo Niceto | welovejonio
 

Costa Viola

"All'ingresso dello stretto di Messina vivevano due creature mostruose di nome Scilla e Cariddi. Ogni giorno, e per tre volte al dì, Cariddi ingurgitava acqua con tutto ciò che in essa si trovava, inghiottendo anche navi che si avventuravano nei suoi paraggi. Sulla sponda opposta viveva un altro mostro, che divorava i marinai esattamente nello scoglio di Scilla".

 

Ancora oggi è possibile osservare i vortici e le forti correnti che rendono la navigazione difficoltosa, e questo luogo, un mito. Da Scilla e dallo splendido borgo marinaro di Chianalea, si snoda la costa Viola caratterizzata dai terrazzamenti con muretti a secco nei quali si pratica la coltura dei vitigni eroici, fino ad arrivare al promontorio del S. Elia, da dove è possibile godere di un panorama mozzafiato. Lungo questa costa si pratica la caccia al pescespada secondo le antiche tecniche, a bordo delle "passerelle", imbarcazioni dotate di un lungo pontile e di un albero di oltre 30 metri. E' possibile poi godere di meravigliose spiagge tra le quali Cala Janculla e la spiaggia di Palmi con lo scoglio dell'Ulivo. I fondali riproducono scorci marini tropicali che è possibile ammirare praticando immersioni o anche solo snorkeling. In questo territorio è possibile anche riscoprire le testimonianze lasciate dall'antico popolo dei Taureani che si spinsero da qui fino all'Aspromonte, passando per Oppido antica.