San Marco Argentano

 Lungro

Centro di origine medievale, popolato da profughi di origine albanese nella seconda metà XV secolo, è sede episcopale di rito greco ed è ricco di tradizioni e testimonianze della cultura arbreshe. Nella Cattedrale di S. Nicola di Mira, eretta nel 1721 su una preesistente costruzione medievale, rimangono una cappella con tracce di antichi dipinti e, in sacrestia, un affresco bizantineggiante del 1547 con la S. Parasceve. Mirabili sono l'iconostasi e la teoria di icone che vi sono incastonate. In piazza Agostino Casini si ergono i ruderi di una cappella biznatina, con tracce di elementi architettonici e affreschi. Degni di nota il Museo storico della Miniera di Salgemma allestito in palazzo Martino e la miniera stessa, che scende fino a 220 metri di profondità creando scenografie fiabesche.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com