Montalto Uffugo 

E' l'antica Uffugium citata da Tito Livio, distrutta durante le incursioni saracene e riedificata su un colle, da cui deriva il nome di Montalto. Nell'XI secolo vi si insediarono i conti ruffo, che edificarono un castello e la cinsero di mura. In paese, la chiesa di S. Maria della Serra, consacrata nel 1227 e rifatta alla fine del XVIII secolo, conserva l'imponente facciata di gusto barocchetto con un ricco portale; all'interno è notevole la statua lignea della Madonna della Serra, di anonimo scultore di età aragonese. Nella chiesa di S. Francesco di Paola è celebre il dipinto su tavola raffigurante S. Francesco di Paola attribuito a Sebastiano Mainardi: secondo la tradizione si tratterebbe del ritratto originale del santo, fatto eseguire da Ferrante I d'Aragona nel 1483, quando il paolano in viaggio verso la Francia sostò a Napoli. A Montalto visse dall'età di cinque anni il compositore Ruggero Leoncavallo, che qui ambientò l'opera I Pagliacci, ispirata a un tragico evento a cui assistette da adolescente. All'interno del Palazzo Municipale, il Museo Leoncavallo conserva documenti, spartiti e testimonianze del compositore, al quale ogni anno viene dedicato un festival musicale.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com