Monterosso Calabro

Il paese è disposto a gradinata alle pendici del monte Còpari). Nella parrocchiale di San Nicola è custodito un ciborio marmoreo rinascimentale, proveniente dalla chiesa precedente, distrutta dal terremoto del 1783. Il complesso di una filanda ottocentesca, trasformato nel Novecento in frantoio oleario, è dal 2010 sede del Museo multimediale delle Serre calabresi che documenta, attraverso immagini e filmati sia d'epoca che attuali, i diversi aspetti naturalistici e antropologici del territorio delle Serre: la geografia, la flora e la fauna, ma anche la società, il lavoro, le architetture tradizionali, i dialetti, le feste, i riti e le tradizioni religiose della sua popolazione. Nella stessa sede è stato allestito il Museo della civiltà contadina, nato nel 1983 per iniziativa della Pro Loco. Con oltre 3000 oggetti di uso quotidiano e tradizionali attrezzi da lavoro (alcuni antichi e rari come il torchio in legno di faggio del XVIII secolo e lo stampo in ferro per le ostie liturgiche risalenti al XII secolo) racconta diversi aspetti del mondo contadino e artigiano: il lavoro dei campi, òa tessitura, la lavorazione del ferro, l'artigianato del legno e della terracotta; in un apposito spazio sono esposti antichi costumi regionali.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com