San Luca

E' un tipico centro agricolo e pastorale al margine dell'Aspromonte, sorto sul finire del XVI secolo. Gente in Aspromonte racconta di queste terre di aspra bellezza e della vita difficile dei suoi contadini: del suo autore, Corrado Alvaro, uno dei nomi più alti nella letteratura italiana del Novecento è rimasta la casa natale nel vecchio nucleo del paese, che guarda dall'alto la fiumara Bonamico. In contrada San Giorgio, a 10 km circa dall'abitato, sono i ruderi della chiesetta di San Giorgio, architettura bizantina a pianta quadrata e tre absidi che riprende il modello della Cattolica di Stilo. Una strada che s'inoltra nel paesaggio più tipico e suggestivo dell'Aspromonte conduce al santuario della Madonna di Polsi la cui antica fondazione è legata alla leggenda di un bue che dissotterrò con le corna una croce bizantina. Nonostante il lungo e disagevole cammino, è uno dei più importanti santuari mariani in terra calabrese, meta di frequentati pellegrinaggi il 24 agosto e il 2 settembre. Più volte ampliato e trasformato, conserva nell'interno una venerata immagine della Madonna col Bambino risalente alla fine del XVI secolo e una balaustra in bronzo e marmo di Francesco Jerace.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com