San Marco Argentano

 Spezzano Albanese

Il ritrovamento di necropoli dell'età del Ferro a Torre Mordillo, con tombe e inumazione e resti di un abitato di età ellenistica, confermano che il luogo fu popolato fin dall'antichità. Spezzano Albanese sorse però nel XVI secolo per opera di profughi albanesi e ancora vive sono le tradizioni e le usanze della cultura arbereshe. Nella chiesa di S. Pietro, eretta nel corso del XVII secolo forse sul sito di una chiesa precedente, è notevole la cappella dell'Assunta interamente dipinta a trompe-l'oleil: il complesso apparato iconografico, che intreccia elementi architettonici e ampi spazi, corre lungo le pareti della cappella e si conclude nella cupola con la raffigurazione dell'Assunta in cielo. L'opera ricorda l'arte dei Galtieri, abili pittori calabresi del Settecento. Pochi chilometri più a nord, sulle sponde del fiume Esaro, aprono i battenti le Terme di Spezzano Albanese, con stabilimento di cura e alberghi. Le acque salso-bromo-iodiche e cloruro-sodiche, che sgorgano a 18-22 C, sono note fin dall'antichità.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com