San Marco Argentano

 Spezzano della Sila

Il nucleo più antico si sviluppa seguendo le curve di livello, ma il comune per la sua particolare estensione abbraccia numerose frazioni e località di grande interesse paesaggistico. Nella parrocchiale di S. Biagio, eretta nel XV secolo in stile gotico, si conservano due opere quattrocentesche: la statua lignea di S. Biagio, frutto di buona bottega, e il fonte battesimale in pietra, con coprifonte ligneo seicentesco dai raffinati intagli ornamentali. Più in alto è posta la chiesa di S. Francesco da Paola, di fondazione quattrocentesca ma gravemente danneggiata dai terremoti; risale alla costruzione originaria il portale a ogiva (XV secolo).

Continua la visita a Camigliatello Silano -> ...

 

Camigliatello Silano.

Collocata alla confluenza di varie strade che portano dai paesi presilani all'altopiano, è la frazione più importante di Spezzano della Sila. L'attrazione qui è certamente lo splendido ambiente naturale, ma merita una visita la chiesa dei SS. Roberto e Biagio per il grande mosaico custodito al suo interno, realizzato nel 1980 su una superficie di oltre 100 metri quadrati, con quasi un milione di tessere di smalti, oro e marmi policromi. A Camigliatello è anche attiva un'attrezzata stazione sciistica con due piste e un impianto che in pochi minuti sale a Monte Curcio (1768 metri); da qui si dipartono anche anelli per lo sci di fondo. A Torre Camigliati aprono i battenti il Parco Old Calabria, ispirato ai racconti dei viaggiatori stranieri giunti in Calabria, e il Museo narrante dell'Emigrazione denominato La Nave della Sila, incentrato sul fenomeno che ha contrassegnato la storia della regione.

WLJ CAR.png
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Offri un servizio turistico sulla costa ionica? Allora collaboriamo!

scrivimi a mario@welovejonio.com